Valduggia - Vallis Utiae - La Vall

Valduggia e i suoi membri di parrocchia (anno 1838)
individui
famiglie
minuti dal centro
chiese
censimento 1977
Centro parrocchiale
(soprannome: pataluich)
350
66

S. Giorgio
S. Rocco
S.Carlo

abitanti 1698
con S. Maria
Cantone (soprannome: avucait)
89
17
15

S. Pietro

abitanti 28
Crabbia (soprannome: crusteit)
45
11
20
S. Defendente abitanti 41
Lebbia (soprannome: gait)
180
32
10
MV. Addolorata
S. Martino
abitanti 123
Orbruncio (soprannome: ciuveti)
25
7
15
S. Giuseppe abitanti 9
Orlungo (soprannome: affamai)
13
2
15
  abitanti 12
Raschetto (soprannome: moic)
74
18
20
S. Giacomo abitanti 18
Cavagna         abitanti 7
Lumio         abitanti 1
Molino Rastelli         abitanti 4

Antico borgo della bassa Valsesia fondato dai Galli, secondo il parere del canonico Sottile, o dagli Uzzeni od Uceni del ramo ligure, secondo il prevosto L. Albertinotti . Il nome di Valduggia deriverebbe (F.Tonetti) dalla parte pi antica del paese chiamata Uggia. Non nostra intenzione raccontare le origini o vicissitudini che passarono i nostri antenati, ma illustrare le varie indagini demografiche avvenute negli ultimi due secoli. La popolazione di Valduggia era nel 1838 (G.Lana) di n. 3167 individui (si escluso dal conteggio le frazioni passate sotto la giurisdizione di Cellio e le frazioni passate nel 1927, anno di istituzione della provincia di Vercelli al comune di Grignasco). Nel censimento del 1977 la popolazione era diminuita a n.2689 persone Nel censimento del 1991 la popolazione era diminuita a n.2416 persone Certi di fare cosa grata alleghiamo qui di seguito per il 1838 e per il 1977 delle tabelle con la suddivisione della popolazione nel centro e nelle frazioni.

 

CREDENZE POPOLARI: "CASSINA DLA MORT", si tratta della cascina situata all'inizio della vecchia mulattiera che porta alla Colma. Secondo testimonianze tramandatesi a voce, si racconta che anticamente a Valduggia non esistevano cimiteri pertanto i defunti venivano portati nel cimitero di Bettole, e detta cascina era la prima sosta. Ad avvalorare questa tesi vi una tradizione secondo la quale i parroci di Valduggia una volta all'anno vanno a Bettole a dire messa; inoltre vi era un sentiero che partendo dal ponte della Barciuja costeggiando le falde del monte Fenera arrivava a Bettole.
Altri caseggiati con un uso interessante erano " LE GIASSERE" , costruzioni con ampie cantine adibite alla conservazione del ghiaccio, immagazzinato in inverno sotto forma di neve. Veniva usato il seguente metodo: si alternava uno strato di neve pressata ed uno strato di segatura.
A Valduggia vi erano due GIASSERI una situata sulla vecchia mulattiera che portava a Orbruncio, l'altra era situata di fronte alla Casa di Riposo dove ora sorge la casa del Geom Lunardon, il quale ha avuto l'accortezza di mantenere intatta la cantina del vecchio fabbricato.


Per saperne di più riguardo a:

clicca!

 

DERIVAZIONE ANTICA DELLE PAROLE ( E.Tonetti)

CANTUN: gruppo di case.
CASTAGNOLA: da castagneti.
CEREI: luogo elevato esposto al sole.
COLMA: passo di monte.
ORBRUNC, ORCARAL, ORGIANIN, ORLUNG, ORLUNGHETT, ORPIATTIN, ORSANVENS: borgate poste in luoghi elevati.
ROMAGNASCH: si presume stazione militare romana.
SOLIVA: frazione esposta al sole del mattino.
STRUNA, STRUNELLA: deriva dal celtico significa acqua corrente con fracasso.